Riflessioni modaiole di una “campagnola”…

Mi capita sempre. Tutte le volte che sfoglio una rivista di moda, che guardo un sito fashion, una serie tv stile Gossip Girl o che mi “lustro gli occhi” scorrendo www.lookbook.nu, la Bibbia dei look caricati da persone di tutto il mondo.

Guardo e penso: vorrei potermi vestire anche io così. Vorrei poter uscire di casa per andare in università o fare una passeggiata in centro vestita come mi sento in quel momento, senza esser giudicata e guardata male dalle persone che incontro.

Sono una ragazza normale, mi reputo addirittura abbastanza banale in certi momenti, e proprio per questo vorrei poter esprimere liberamente la mia personalità attraverso l’abbigliamento. Esempio: mi metto la gonna e subito “Oh ma come sei elegante oggi!” “Dove devi andare vestita così?!”; esco per un aperitivo e “Addirittura i tacchi..!”.

La mia grandissima perplessità nasce dal fatto che riviste, negozi e vetrine ci mostrano i capi di ultima tendenza, soprattutto scarpe col tacco. Poi esco, mi guardo attorno e vedo le persone vestite in modo anonimo, sempre scarpe basse, jeans + maglietta, giacca a vento (il massimo che si osa è il cappotto)… Le mie amiche dell’università mi dicono: “Cosa mi vesto bene a fare per venire a lezione? Devo stare sempre seduta e farmi due ore di treno..!” Per carità, nulla togliere alla comodità, ma un minimo di…amor proprio? Presentabilità? In fondo è questo il nostro lavoro, io mi vesto e trucco bene per me stessa e per le persone che incontro. Ho l’armadio pieno di bei capi “da giorno” che non metto perché reputati troppo “da occasione”!

Forse è colpa della mia città, da qui viene il “campagnola” del titolo. Mantova è molto piccola, con vedute ristrette e di mentalità chiusa; Verona è un po’ più aperta ma molto standardizzata. Quelle volte che vado a Milano, mi sento molto più a mio agio, lì ti puoi mettere il rossetto rosso o le zeppe per andare in facoltà senza essere squadrata come una appena uscita dalla discoteca.

Probabilmente dovrei imparare a fregarmene, vestirmi come voglio e sentirmi lusingata se la gente mi guarda. In fondo, non faccio male a nessuno. E la vita è troppo breve per potersi permettere di vestirsi male, non sai mai chi potresti incontrare.Vogue-Cover-Autumn-Fuchsia-1957-Posters

Advertisements

4 pensieri su “Riflessioni modaiole di una “campagnola”…

  1. belle le tue introspezioni che condivido pienamente! Nei molti anni in cui ho vissuto a Milano mi dava fastidio anche il solo ritornare a Mantova a fine settimana; detestavo anche i ciclisti proprio perchè …”campagnoli”. Ciò che amavo ed amo tuttora di MI è che puoi andare in giro …vestita da tennis perchè non hai fatto in tempo a cambiarti e nessuno si gira, oppure puoi sfoggiare tutta a tua eleganza e… nessuno si gira! Insomma ti vesti soprattutto per te stessa.

  2. “E la vita è troppo breve per potersi permettere di vestirsi male, non sai mai chi potresti incontrare.” Questa frase riassume tutto! La penso come te, Chiara, e spesso mi trovo nella tua stessa situazione, abitando nella piccola – e bigotta – Treviso.
    Continua così!
    v.

  3. Ciao Chiara, bello questo post. Molto personale, forse potresti arricchirlo con più link e probabilmente accorciarlo un pò… il concetto passa comunque!
    Poi per il contenuto… questo è un mio pensiero personale, I agree!
    In fondo ci trucchiamo e vestiamo bene per noi stessi, si dice “take care about yourself!” Ed è importante… inoltre aggiungerei una citazione famosa, che però non ricordo più di chi sia… “life is too short to wear beige!”
    A mercole!
    V.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...