Sondaggio: tacchi si o tacchi no?

Breve e “viscerale” post – sondaggio. E’ una questione che mi attanaglia da un po’ di tempo e che si è fatta più pressante complici voi fashion blogger che postate (come faccio io) i vostri ultimi acquisti e look. Insomma, non ce la faccio più e ho deciso di rivolgermi a voi per chiedervi una cosa (per me) di vitale importanza: ma voi, i tacchi di giorno, che siano sandali, stivali, scarpe, stivaletti e anche zeppe, li indossate?!

Immagine

Io sono piena di scarpe col tacco, niente di così particolare, che non so mai quando mettere, a parte occasioni speciali o la sera per uscire (e non sempre). Un po’ perchè mi vergogno, praticamente nessuno, almeno nella mia città, si mette i tacchi di giorno.

Quando ero adolescente, non vedevo l’ora di avere 20 anni e più per potermi mettere ai piedi quello che volevo…e adesso che di anni ne ho 24, non riesco ancora a mostrare “la vera me stessa” con l’abbigliamento.

Quindi mi rivolgo a voi amiche modaiole, più o meno della mia stessa età: tutte le vostre belle scarpine col tacco, quando le indossate?

Aspetto con curiosità le vostre risposte…un bacio!

Annunci

STYLIGHT omaggia i blogger!

ATTENZIONE! Il sito/community di moda STYLIGHT ha preparato una sorpresa per tutti i blogger: a chi partecipa, invierà la sua borsa di iuta contenente alcuni accessori! stylight2 Che STYLIGHT adorasse i blogger, non era certo una novità! Ed ecco che abbiamo deciso di omaggiarvi con un piccolo regalo: la fantastica borsa di iuta di STYLIGHT con al suo interno i nostri accessori!

Ottenerla è semplicissimo:

1) Vai sul sito www.stylight.it e crea il tuo profilo;

2) Una volta creato il profilo, realizza un mood-board con una foto del tuo lookprodottidella community, canzoni, video e citazioni alle quali ti ispiri… Come sul board presente in fondo all’articolo;

3) Invia il link del tuo mood-board e il tuo indirizzo postale a hotpicks@stylight.com.

La borsa verrà recapitata nel più breve tempo possibile.

E non è tutto! dieci mood-board che avranno ricevuto più apprezzamenti avranno la possibilità di vincere un buono da 200 € di ASOS! Affrettatevi, c’è tempo fino al 30 aprile!

Questo è il mio Mood-Board: votatemi! 🙂 E passate parola..! Jeans Day di chizza su STYLIGHT

Haul abbigliamento: fermatemi!

In questo periodo ho veramente le mani bucate, ogni volta che esco compro qualcosa. Che qualcuno mi fermi!

L’ultima uscita con conseguenti spese pazze l’ho fatta mercoledì mattina, con la complicità di mia mamma (si, non avrei mai speso tutti quei soldi senza il suo consenso, mi sarei sentita troppo in colpa!). Da poco ha riaperto, dopo la consueta chiusura post-saldi, uno dei miei negozietti mantovani preferiti, che vende abbigliamento non di marca a prezzi bassissimi e di buona qualità: “Girotondo”, in corso Umberto I sotto i portici.

Premesso che (ovviamente) avrei comprato tutto, ecco cosa alla fine mi sono portata a casa

Vestitino in cotone a righe, 14,50€

Vestito righe

Camicia in viscosa con borchiette su colletto e polsini e bottoncini a forma di teschio, 19,90€

Camicia borchie100_4186100_4185100_4184

Maglioncino in cotone con fiocco ricamato in seta, 14,50€

Maglioncino100_4196

Maglia smanicata in cotone pesante, pizzo e applicazioni, 9,50€

Maglia cotone e pizzo100_4192100_4191

Anche mia mamma ha fatto spesa, su mio suggerimento: Abito rigato “a uovo” in tessuto sintetico elasticizzato, 16,50€

Abito righe100_4179100_4180100_4181

Totale degli acquisti: 70€ circa. Mi sembra una cifra decisamente ragionevole per i capi acquistati, e devo sottolineare che anche la qualità mi sembra molto buona. Sono anni che compro in quel negozio e mi sono sempre trovata benissimo.

In più, ieri era giorno di mercato… ho fatto un giro e sono stata brava, ho comprato solo una borsetta pochette a 5€, da portare a mano o a tracolla

Borsetta pochette100_4201

Cosa ne pensate? Alla prossima!

Cosa comprare oggi da indossare anche domani

Complici anche i saldi, ecco una lista dei capi di abbigliamento da comprare (e indossare) ora che andranno benissimo anche per la prossima primavera/estate.

Giubbino in pelle
Ormai è un anno e più che è diventato un capo molto versatile, da usare sia di giorno che di sera, non necessariamente con un look sportivo/da biker. Perfetto indossato in primavera su vestitini e bluse leggere dai toni pastello, per creare un contrasto interessante. Sceglietelo basico, nero, non troppo lungo e chiuso da una zip: un capo che resiste a qualsiasi moda!

Jeans
Ovvero: qualunque capo in jeans. Pantaloni skinny, boyfriend-cut, a zampa, shorts, ma anche giubbini, gilet, camicie (meglio se decorate o con bottoni-gioiello); si abbinano veramente a tutto e salvano anche un look un po’ troppo “noioso”. Colori preferiti: denim scuro o molto chiaro, quasi slavato. Non sono concesse le vie di mezzo.

Pizzo
Anche qui, più che un capo specifico, un tessuto. Vestiti, magliette, gonne, collant, accessori… e chi più ne ha, più ne metta! Sarà il protagonista assoluto di questa primavera/estate, anche come inserti su camicie o pantaloni (provate a sostituire le tasche di vecchi jeans o ricamare dei colletti di camicie troppo basiche). Perfetto anche nella stagione invernale come contrasto pizzo bianco candido/nero rock.

Bluse leggere
Ormai spopolano camicie e bluse in seta e tessuti leggerissimi. Io vi consiglio di farne incetta (approfittate dei saldi!) di qualunque colore. Adesso sono perfette da far spuntare sotto maglioni pesanti (adoro il contrasto tessuto leggero e pesante), tra qualche mese le potrete usare da sole. Unico requisito: indossate in abbinamento a pantaloni skinny se portate fuori, altrimenti infilatele dentro i pantaloni o gonna per non appesantire il tutto.

Biker boots
…non si può non averli! In (eco)pelle nera, alla caviglia, con fibbia o borchie ben in vista, “salvano” qualunque look, dalla gonna troppo bon ton al momento non-so-cosa-mettermi-ai-piedi! Sono belli e anche comodi, cosa volere di più?!

Slippers “pantofoline”
Di qualunque colore e materiale, borchiate e non, danno un tocco in più a tutti i look; sono le nuove ballerine! Da abbinare agli accessori o da tenere come punto centrale dell’outfit.

Stampe
…di ogni genere: barocche, fiori, pois, righe… su maglie, camicie, jeans… insomma, sempre e comunque! Da abbinare tra loro per creare piacevoli contrasti portate da sole, impazzano veramente ovunque. E più sono particolari, meglio è!

I miei negozi preferiti?

Riflessioni modaiole di una “campagnola”…

Mi capita sempre. Tutte le volte che sfoglio una rivista di moda, che guardo un sito fashion, una serie tv stile Gossip Girl o che mi “lustro gli occhi” scorrendo www.lookbook.nu, la Bibbia dei look caricati da persone di tutto il mondo.

Guardo e penso: vorrei potermi vestire anche io così. Vorrei poter uscire di casa per andare in università o fare una passeggiata in centro vestita come mi sento in quel momento, senza esser giudicata e guardata male dalle persone che incontro.

Sono una ragazza normale, mi reputo addirittura abbastanza banale in certi momenti, e proprio per questo vorrei poter esprimere liberamente la mia personalità attraverso l’abbigliamento. Esempio: mi metto la gonna e subito “Oh ma come sei elegante oggi!” “Dove devi andare vestita così?!”; esco per un aperitivo e “Addirittura i tacchi..!”.

La mia grandissima perplessità nasce dal fatto che riviste, negozi e vetrine ci mostrano i capi di ultima tendenza, soprattutto scarpe col tacco. Poi esco, mi guardo attorno e vedo le persone vestite in modo anonimo, sempre scarpe basse, jeans + maglietta, giacca a vento (il massimo che si osa è il cappotto)… Le mie amiche dell’università mi dicono: “Cosa mi vesto bene a fare per venire a lezione? Devo stare sempre seduta e farmi due ore di treno..!” Per carità, nulla togliere alla comodità, ma un minimo di…amor proprio? Presentabilità? In fondo è questo il nostro lavoro, io mi vesto e trucco bene per me stessa e per le persone che incontro. Ho l’armadio pieno di bei capi “da giorno” che non metto perché reputati troppo “da occasione”!

Forse è colpa della mia città, da qui viene il “campagnola” del titolo. Mantova è molto piccola, con vedute ristrette e di mentalità chiusa; Verona è un po’ più aperta ma molto standardizzata. Quelle volte che vado a Milano, mi sento molto più a mio agio, lì ti puoi mettere il rossetto rosso o le zeppe per andare in facoltà senza essere squadrata come una appena uscita dalla discoteca.

Probabilmente dovrei imparare a fregarmene, vestirmi come voglio e sentirmi lusingata se la gente mi guarda. In fondo, non faccio male a nessuno. E la vita è troppo breve per potersi permettere di vestirsi male, non sai mai chi potresti incontrare.Vogue-Cover-Autumn-Fuchsia-1957-Posters